L’oro di Caporetto

25.00

ISBN: 978-889-434-2680

La storia della Grande Guerra, tra milioni di vicende umane consumate in circostanze drammatiche, incrocia talvolta il sacrificio degli affetti più profondi con le sorti fatali dei protagonisti. Un tragico intrecciarsi di coincidenze, anche nel momento più duro della sconfitta, portarono alcuni uomini a compiere imprese eccezionali elevandone il sacrificio a qualcosa di leggendario. L’incredibile vicenda del Sergente Paolo Peli attraverserà quasi tutte le “battaglie dell’Isonzo”, oltre alla “Strafexpedition” sull’Altopiano di Asiago nel 1916, snodandosi tra le trincee più contese sino al tragico epilogo di Caporetto. Un destino che incrocia sul Veliki e sul Kobilek quelli di Gabriele D’Annunzio e di Ardengo Soffici, sfiorando poi quello dello stesso Tenente Erwin Rommel sulla cresta del Kolovrat il 24-25 ottobre 1917: qui, a Passo Zagradan, tra le pendici dei monti Piatto e Podklabuc, il Sergente Paolo Peli combatterà infine con la propria mitragliatrice il suo ultimo disperato duello. E se sul Kobilek la sorte lo aveva graziato, nei tristi giorni di Caporetto quello stesso gesto temerario che stavolta spezzerà la sua giovane vita sarà per sempre ricordato come una stella brillata nel buio della notte più profonda.

79 disponibili

Categoria:
 

Descrizione

Autore:

STEFANO ALUISINI

(Brescia)

STEFANO ALUISINI (Brescia) – Laureato in Economia, è ricercatore storico per passione.Ê Ufficiale istruttore alla Scuola Alpina della Guardia di Finanza di Predazzo fra il 1991 e il 1993, coordina con Ruggero Dal Molin le attività dell’Archivio Storico Dal MolinÊ di Bassano del Grappa e ha realizzato i siti internet collegati: www.archiviostoricodalmolin.com,
www.frontesudaltopiano7comuni.it e www.memoriaestoria.it. In collaborazione con il Museo Storico della Terza Armata di Padova ha esposto nel Ênovembre del 2014 presso Palazzo Camerini la mostra Ê“1914-2014: la guerra che verrà”, poi trasferita al Circolo Ufficiali Unificato di Treviso per la presentazione del Calendario 2015 dell’Esercito. Nel marzo 2015 èÊstato correlatore della Tesi di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica presso l’Università degli Studi di Brescia dal titolo: Ê“Progetto e sviluppo di una applicazione web per la conservazione e il recupero della memoria storica e fotografica della Grande Guerra”.Ê Il 24 maggio 2015 ha pubblicato “Molti non tornarono: il destino di cinque soldati italiani nella Grande Guerra”Ê(Itinera Progetti – Bassano del Grappa). Nell’ottobre 2016 è uscito con “La Croce in trincea”, un volume sull’epopea dei Cappellani Militari e delle Crocerossine nella Grande Guerra (Itinera Progetti – Bassano del Grappa). Nell’estate del 2017 ha pubblicato per l’Editore Gaspari (Udine) due nuove guide ai campi di battaglia dell’Altopiano dei Sette Comuni: “Monti Chiesa e Forno – Vol. III” e “Monte Zebio – Vol. IV”. Nel settembre 2017 ha realizzato “Dall’Isonzo al Grappa: i Caduti bresciani nella Brigata Emilia” (Arti Edizioni) i cui proventi hanno concorso al restauro del monumento ai Caduti dell’ex cimitero militare di Kamno (Slovenia). Sempre in tal senso, nel maggio 2018 ha pubblicato “Il Milite Ignoto: storie e destini di Eroi sconosciuti” (Epta Editions). Nel novembre 2018, in occasione del Centenario della Vittoria, ha esposto a Palazzo della Loggia (Brescia) la mostra fotografica “Gli occhi della Grande Guerra” della quale ha curato anche il relativo catalogo (Epta Editions). Nel maggio 2019 ha pubblicato “Cartoline dal fronte: voci e pensieri dalla Grande Guerra 1914-18” (Epta Editions) destinato a sostenere l’A.S.C. Fronte Sud Altopiano di Asiago (Cesuna di Roana – VI).

Formato

Chiuso 16×24
Aperto 32×24

Confezionatura

Cartonato cucito in brossura filo refe

Interno

Interno 164 pagg. stampa 1+1 colori su carta per edizioni da 120 gr.
Interno 64 pagg. stampa 4+4 colori su carta patinata opaca da 150 gr.
Interno 164 pagg. stampa 1+1 colori su carta per edizioni da 120 gr.
Risguardie in carta avoriata da 140 gr. stampate a 1+1 colori.

Copertina

Sovracopertina stampa 4+0 colori più oro a caldo su carta patinata opaca da 170 gr. più plastica lucida 1 lato.
Copertina cartonata rivestita in imitlin nero con stampa in oro a caldo sul piatto e sul dorso.